Qualità delle azioni di restauro in ambito forense: criteri di valutazione
Venerdì 28 settembre 2018
Sessione A8 / ore 09:00 - 11:00
Sessione A9 / ore 11:00 -13:00
Coordinatori:
prof. arch. Cesare Feiffer - Università degli studi Roma Tre
ing. Eva Gatto, libera professionista

Iscriviti adesso alla giornata di venerdì 28 Settembre attraverso la piattaforma ISI Formazione professionale! Clicca qui

Il workshop intende affrontare con cultura e con metodo la specificità del progetto e del cantiere di restauro architettonico fornendo principi, criteri ed esempi per intervenire con qualità nel patrimonio storico edificato unitamente alla necessità di individuare parametri oggettivi per la valutazione di tali azioni.
Gli interventi sulle preesistenze storiche finalizzati alla loro tutela e valorizzazione, sono attività complesse che richiedono competenze ed abilità specialistiche e coinvolgono figure professionali provenienti da ambiti disciplinari differenti. Vi è pertanto la necessità di individuare un metodo ed un linguaggio condiviso che consenta a tutte le figure coinvolte in un procedimento che riguarda il costruito storico in ambito forense di dialogare tra loro in modo univoco e comprensibile, avendo un approccio comune e tale da giungere ad un punto di convergenza.

Pur nella singolarità di ogni intervento (ogni edificio è diverso dall’altro, ogni invecchiamento è singolare e le tecniche di conservazione o consolidamento che sono adatte in un caso e giudicate compatibili possono essere esagerate e invasive in un altro) vanno individuati fattori comuni che consentano:

  • di sviluppare con ordine e coerenza la fase progettuale,
  • di rendere tracciabili le scelte e le soluzioni tecniche adottate in fase esecutiva,
  • di valutale l’esito di un intervento ad oggi demandato alla sensibilità del singolo (progettista, restauratore, funzionario, perito, avvocato, magistrato ecc.).La trattazione di questi argomenti in ambito forense nasce dall’esigenza di affrontare problematiche di natura tecnica-legale con metodologia scientifica al fine di individuare le criticità del sistema nel processo di restauro di beni storici e prevenirne le problematiche.

Il workshop propone una discussione sui seguenti argomenti:

  • La specificità del restauro e l’inquadramento normativo;
  • Il progetto di qualità elevata ovvero i parametri per definire la qualità del progetto;
  • Criteri di approvazione del progetto riguardante beni tutelati;
  • Il cantiere di qualità elevata;
  • La quantificazione del danno sui beni vincolati:
  • Un caso reale di CTU su beni vincolati.
@